IL GIALLO DI SIENA

Un lettore di "Ouch!" scrive: "Consoliamoci. Dopo un solo mese di 2013, sono già successe alcune cose. Fabrizio Corona, il nemico pubblico numero 1, è stato catturato con un dispiego di forze simile a quello usato a suo tempo per Totò 'o Curto. Nel frattempo Giuseppe Mussari è libero e non accusato formalmente di niente. Ha solo perso tutti gli amici. Anche il Franco comunale (come fece a suo tempo Pietro il pescatore con un altro amico) lo ha già rinnegato 3 volte. Il MPS è stato rovinato e non esistono colpevoli.". Da ciò ho colto lo spunto per mettere in un diverso contesto le notizie che si rincorrono e che la contesa elettorale rende un tripudio di verità e di menzogne, di realtà e di fantasie, per non impicciare il normale procedere di "Ouch!": basterà un "clic" per chi vorrà leggerle. Oltre che per dovere di cronaca, lo faccio anche per due motivi affettivi - da Siena proveniva la mia famiglia e al Monte Dei Paschi sono legato da più di 50 anni di rapporti di lavoro e di fiduciosa clientela - convinto che il mettere in questa pagina ciò che si dice dell'incredibile vicenda che ha sconvolto questa grande e antica banca potrà contribuire non solo ad accelerare la ricerca della verità ma anche ad aiutare i senesi a recuperarla, patrimonio prezioso per la conservazione della loro cultura e delle loro tradizioni. Solo pochi anni fa era stimata "la più ricca d'Italia". Ricca da morire, come il titolo del giallo qui accanto. E, come in tutti i gialli che si rispettino, alla fine l'assassino sarà... il maggiordomo ! (Carlo Luigi Ciapetti - 26/1/13) 
      
     I link rimandano agli articoli letti, ma questi possono anche essere stati tolti o modificati in seguito...

   PASSANO GLI ANNI E OGNUNO DICE LA SUA: L'ULTIMA E' QUESTA...

Articolo di Giuseppe Turani - 26 novembre 2016

Il Monte dei Paschi è la banca più antica del mondo e fino a qualche anno fa era anche ritenuta una sorta di roccia indistruttibile. Il Monte è sempre stato qualcosa di più di una banca: di fatto era Siena. Un vecchia battuta dice che la popolazione della città si divide in tre parti: quelli che aspettano di andare a lavorare al Monte, quelli che ci lavorano, e quelli che sono andati in pensione.  In più, negli anni buoni (e sono stati tantissimi) la banca distribuiva generosamente denaro alla città e alle sue istituzioni per attività culturali e benefiche. A rendere più solido questo legame c’era anche il fatto che il Monte era controllato da una fondazione, a sua volta controllata dalle forze politiche di sinistra (Pci, dalemiani) che controllavano la politica locale.
Per decenni il Monte e Siena, con la sua bella banca, sono state una sorta di isola felice. Economia prospera, molti soldi e aiuti generosi riversati dalle casse dell’Istituto sulla città.
Ma arriva la crisi, e una crisi che riduce allo stremo una banca che ha quasi 600 anni di vita: un po’ come abbattere un dinosauro. L’impresa riesce all’ultima gestione “regolare” della banca, quella cioè capitanata dal presidente Giuseppe Mussari. E non ha nulla di speciale, in apparenza. Mussari, alla testa di una banca che sapeva forte e solida, si mette in testa di allargarsi e di diventare ancora più potente. Gli occhi puntano sulla banca Antonveneta, in modo da sommare la ricca area toscana con quella del Nord Est. Il prezzo che alla fine si paga è però esorbitante. A un certo punto si aprono delle inchieste, vengono cacciati tutti  via e comincia la vita “straordinaria” del Monte Paschi. Arrivano dei gestori speciali (presidente diventa, a titolo gratuito, Alessandro Profumo, e amministratore delegato di Unicredit e uno dei migliori banchieri italiani).  (continua)

Articolo di Nicola Cariglia - 21 settembre 2016

Solo ciò che è stato si può dire del Monte dei Paschi. E come è arrivato a scendere così in basso. Purtroppo, però, è impossibile dire cosa ne sarà. Meno di tre anni fa, pubblicai su Pensalibero una conversazione con Vittorio Mazzoni della Stella che fece scalpore, tanto che fu ampiamente ripresa da giornali e reti televisive nazionali. E si capisce: Vittorio, a Siena, è uno di quei rari personaggi la cui vita si confonde con quella della città del Palio. E’ stato a lungo sindaco e, poi, vicepresidente della Banca. Anche in questo caso per diversi anni. E in un momento particolarissimo che poi ricorderemo e che rende ancora più pertinente e solido tutto quello che su Siena e la sua più grande Istituzione esce dalla sua bocca. Una chiacchierata la definii e non intervista. Perché da un tempo lunghissimo ci conosciamo. Abbiamo frequentato nella stessa classe il liceo classico Forteguerri di Pistoia. E, siccome, lo concludemmo nel 1961, fate un po’ voi i calcoli, perché a me viene il capogiro. Dunque, il tono della conversazione fu molto schietto. Come si conviene tra amici in grande confidenza. Ricordo un brano di ciò che mi disse, per sintetizzare le ragioni per le quali, una banca ricchissima, si è ridotta ad una capitalizzazione inferiore a 700 milioni di Euro: roba che se si mettono d’accordo tre o quattro manager con super liquidazioni di fine rapporto, se la potrebbero comprare. “Tanti anni fa, nel 2003, telefonai ad un bravissimo alto dirigente del Monte dei Paschi e gli domandai perché fosse andato in pensione, dal momento che si trovava in una posizione di rilievo e poteva restare al lavoro ancora per molto tempo.  (continua)

 E INFATTI,  IL GIORNO DOPO: "ALLEGRIA !" COME DICEVA MIKE BONGIORNO... 

 Leggete l'articolo sul sito di Reuters Italia, sempre che ci sia ancora...

ROMA (Reuters) - Con un rialzo fino a 10%, la banca Mps di Siena ha incassato stamani il gradimento del mercato dopo aver ottenuto venerdì sul filo di lana il via libera a un complesso piano di risanamento che le permetterà di lasciarsi alle spalle la sonora bocciatura allo stress test europeo. Alle 10,40 dopo aver aperto a razzo, Mps quota in progresso del 4% dopo aver perso da inizio anno il oltre 70% in un mercato appena positivo. Per la terza banca italiana, che capitalizza ora poco meno di 900 milioni, è stato approvato da Bce e Ue un piano per cedere 9,2 miliardi di sofferenze al 33% del valore nominale, coprendo le perdite con un aumento da 5 miliardi, per il quale è stato trovato un consorzio, per ora in pre-underwriting agreement, guidato da Jp Morgan e Mediobanca. L'operazione partirà in autunno per lanciare l'aumento entro la fine dell'anno.
"Se questa operazione avrà successo farà da apripista a tutti gli altri ma ciò dipende da un numero elevato di variabili: un elemento importantissimo è la qualità del portafoglio sottostante vagliata in dettaglio nella due diligence", ha detto Giovanni Lazzeri, origination director a Demica, società inglese che fornisce working capital solution, ed ex-responsabile securitisation in Italia di Societe Generale. "Per collocare i titoli senior sprovvisti di GACS – che a quel punto diventerebbero una tranche mezzanine – potrebbe essere necessario aumentare lo spread offerto, a detrimento dei portatori dei titoli maggiormente subordinati nella graduatoria dei rimborsi", ha detto. Gianni Piazzoli, Head of Institutional Advisory ad Anthilia Capital Partners sgr, parla di "operazione importante e corretta", anche se osserva che "i multipli non facilitano". Secondo Piazzoli, il 5 miliardi di aumento implicano un "non basso teorico multiplo per la nuova entità di 0,5x il Tangible Equity". Dopo la pulizia di 27,7 mld di sofferenze lorde, il costo del credito, dice l'esperto di Anthilia, potrebbe scendere sotto 100 punti base dai 160 visti nel primo semestre, proiettando una redditività espressa dal RoTe del 5-6%. "L'operazione di pulizia crea anche 1 mld di perdite fiscali che per ora non sono contabilizzate a capitale, ma lo potranno essere in futuro", aggiunge. Per Barclays, il piano del Mps è abbastanza positivo per il settore in quanto riduce il livello di rettifiche richieste per deconsolidare le sofferenze. E' però difficile da replicare su larga scala e con la perdurante mancanza di certezza sui target della Bce. "Pensiamo che l'incertezza sul capitale del settore bancario nel suo insieme permanga". L'operazione, con l'aumento iperdiluitivo, pari a 5 volte il valore di borsa del Monte, penalizza ancora una volta gli azionisti.
La Fondazione Mps, che ha 1,49% del Monte, non uscirà dal capitale della banca, ma ancora non ha deciso se sottoscriverà per intero la sua quota di aumento, ha spiegato il presidente Marcello Clarich. Ha un patrimonio inferiore a 450 milioni di euro e la sottoscrizione integrale "costerebbe 75 milioni: è tantissimo per noi e questo prescinde da quanto potranno essere convenienti le condizioni dell'aumento", aggiunge Clarich.
(Stefano Bernabei - Redazione Roma)
 

 COSI' OGNI TANTO LA FACCENDA TORNA A GALLA: ECCO PER ULTIMO
 (ALMENO PER ORA...)  UN ARTICOLO DI GIUSEPPE TURANI  DEL 31 LUGLIO 2016

   Se c'è ancora, leggete l'articolo cliccando qui : Notizie.Tiscali.it

Il Monte Paschi di Siena (Mps) risulta ultimo negli stress test appena eseguiti in Europa. E la notizia non può meravigliare. Le condizioni pre-fallimentari dell’Mps sono note da tempo.

di Giuseppe Turani

Quando si dice che questa banca, la più antica del mondo, ha resistito a tutto (guerre, epidemie, dittature, distruzioni, rivolte), ma non a dieci anni di gestione comunista, si dice una cosa apparentemente di destra, ma corretta. La banca è stata semi-distrutta da amministratori (nominati dal Pci) totalmente incompetenti e disinvoltamente dissennati.
Dietro il dramma Mps c’è poi il dramma di una città (Siena)
e di un’area (la Toscana). Di solito si dice che la popolazione di Siena si divide in tre parti: quelli che sono in lista per andare a lavorare all’Mps, quelli che ci lavorano e quelli che ne sono in pensione. In più, negli anni passati l’Mps, grazie ai buoni risultati di una volta, ha rovesciato sulla città miliardi in opere varie e cultura. Tutto finito. Chi aspetta di andare a lavorare per l’Mps aspetterà chissà quanto, forse per sempre. E i miliardi di beneficienza non arriveranno più.
Ma quali sciocchezze hanno commesso gli amministratori
per ridurre in macerie dopo 600 anni quella che sembrava essere una banca più che solida, ricca e generosa? Due le principali. La prima, dettata dall’ambizione di diventare sempre più grandi, è stata l’acquisto della banca Antonveneta a prezzi demenziali. Sembra che sia stata pagata due o tre volte il giusto. O comunque molto cara. Nemmeno uno studente del primo anno di ragioneria si sarebbe fatto abbindolare così. La seconda sciocchezza è più sofisticata, ma ancora peggiore. Gli amministratori, nel tentativo di guadagnare soldi in fretta e facilmente si sono messi, come altri banchieri, a giocare con i derivati. Ma non hanno imbroccato una sola operazione. E, ogni volta che perdevano soldi, si sono comportati come certi sconsiderati al casinò: hanno fatto puntate ancora più alte, sperando di “coprire” le perdite precedenti. Ma non era il loro mestiere. Hanno continuato a perdere. Non hanno mai avuto il coraggio di dire “basta”, di denunciare le perdite subite, di dare le dimissioni e di andarsene. Sono stati lì, testardamente, fino a quando lo scandalo è scoppiato e sono stati rimossi. E’ addirittura probabile che tutta la verità non sia ancora emersa fino a oggi. Ogni tanto, infatti, salta fuori qualche contratto di derivati che non appare nella contabilità ufficiale e di cui nessuno sapeva niente. E, naturalmente, si tratta di altre perdite. Se a tutto ciò si aggiunge poi una politica di prestiti troppo poco professionale (come accade in tutte le banche molto politicizzate) il quadro sarà completo.
Adesso la banca verrà di fatto “ricostruita”
(in parte anche con denaro pubblico): lasciarla fallire sarebbe una catastrofe per Siena e per tutta la Toscana.  C’è solo da sperare, vista la storia recente, che nel “nuovo” Mps si riesca a tenere fuori la politica.

FINALMENTE  SI HA IL CORAGGIO DI PARLARNE !

                          
                                                PER LEGGERE L'ARTICOLO...                                               PER LEGGERE L'ARTICOLO...

   AGGIORNAMENTO 25/1/15 - L'E-BOOK PUBBLICATO DA LA STAMPA  

   AGGIORNAMENTO 24/11/2014 - "REPORT" SU RAI 3  


Il servizio di Milena Gabanelli...

   AGGIORNAMENTO 28/5/2013 - PASSATI DUE MESI, TUTTO SEMBRA FINITO SOTTO IL TAPPETO...  

Le lettere dei lettori sono in calce: cliccare qui...

Inutile proseguire ? Forse, visto che stanno mettendo tutto sotto il tappeto, grazie anche al caos post-elettorale,
alla elezione del nuovo Papa, ai successi ed agli insuccessi delle squadre di calcio, alla noia: anche Siena è Italia...
E adesso "MPS: il caso è chiuso..." (NoCensura.com) ! Proprio come sospettavo. E' quindi inutile proseguire ?
No davvero e sono talmente certo che questa collezione migra adesso fra le storielle di "SuccoSucco", insieme a
quella del "day after" delle elezioni 2013: ormai è certo - perché fa comodo a troppi - che l'assassino sia stato...
il maggiordomo !
!!

>>>o<<<

LE ECCEZIONI...

3) 27/5/13 - "«Pigliano stecche da anni»: ecco il video che incastra Mps e la banda del 5%" (NotizieTiscali.it)
e "Siena, la città sprecona salvata due volte da Monti" (LInkiesta.it)...

2) 15/5/13 - Qualcosa si muove ? "Mps, screzi nel Tribunale di Siena", dopo la lettera inviata dal Presidente del Tribunale
al Consiglio Superiore della Magistratura, come racconta "Che succede tra i giudici senesi ?" (Panorama)

1) 30/4/13 - Una reazione: dal blog di Beppe Grillo ecco "Passaparola - Il sacco di Siena" di Mauro Aurigi
appassionata invettiva di un senese contro chi ha portato la città alla rovina e chi non cerca nemmeno di reagire

>>>o<<<

Articoli selezionati dal 13/3/13 fino a quando non c'era più nulla che avesse un senso...
"Montepaschi, banca Pd. Ma anche un pò Pdl. Era la “pax senese”" (BlitzQuotidiano.it). "Incredibile: su Mps escono le intercettazioni. Ma sono contro il Cav!!!" (IlFazioso.com). "Il manager del Mps rimesso in libertà per un errore del gip" (ArticoloTre.com) ma subito dopo "Mps, torna in carcere Gianluca Baldassarri" (Corriere.it): decidetevi... "Mps, lo scandalo partì dalla banca 'dalemiana' " (IlGiornale.it). "MPS: Deutsche Bank al contrattacco" (Finanza.com). "Declassate le Banche italiane tranne MPS: visto che le società di rating sono oneste, corrette ed obiettive ?" (RischioCalcolato.it). "Mps nascose alla Vigilanza altre operazioni strutturate" (MilanoFinanza.it). "Mps: durato tre ore a Siena secondo interrogatorio Pirondini" (AdnKronos.com). "Mps: banca può presentare querela contro Mussari per cessione immobili" (Asca.it). "Caso Mps, ascoltati l'ad Viola e l'ex presidente del collegio sindacale" (LaNazione.it). "Mps, Procura esamina altre operazioni per quantificare danni a banca" (It.Reters.com). "Le responsabilità nella Fondazione MPS" (IlCittadinoOnLine.it). "Mps, la Federconsumatori fa un esposto in Procura su omissioni di controllo da parte della Consob " (AgenziaImpress.it). "Briamonte nega perquisizione per Ior e legami con ruolo in Mps" (ItReuters.com). "Siena e Mps: la città ferita" video di Luiss Giornalismo su YouTube. "Inchiesta Mps, "email interessanti" sul computer di David Rossi" (LaNazione.it). STOP, adesso basta !

Articoli selezionati dal 27/2/13 al 12/3/13
(27/2)
"Guaio senese" (PensaLibero.it); "Tre uomini in barca" (SalvaRimini.com); "Mps in rosso. Giallo sul lancio dei Monti bond" (IlSole24Ore.com); "Inchiesta Mps, Baldassarri chiede il dissequestro" (LaNazione.it); "Mps: Codacons, appello a Consiglio stato su Monti bond" e "Mps: emissione Monti bond attesa entro venerdì" (Agi.it); "Ancora sulla “vicenda Espresso”…" (Pietraserena.Wordpress.com); "MPS, la parola agli esperti" (ProgettoOriginario.Blogspot.it); "Gli immobili in vendita di Mps" (IlSole24Ore.com); "Monte dei Paschi di Siena: tante piccole storie di malaffare" (SoldiBlog.it).
(28/2) Ma poi ce l'hanno fatta e "Mps, Tesoro sottoscrive 4,071 mld di Monti bond" (It.Reuters.com) anche se "Mps: Codacons, impugneremo sottoscrizione Monti bond a Tar" (AdnKronos.com). Adesso che arrivano "Sul mercato perle di proprietà Mps, da Mantova a Catania" (IlSole24Ore.com) "Mps userà anche il web per le dismissioni" (Press-Comunicati.com). Intanto "Mps, Mussari a Salerno per la vicenda del pastificio Amato. Arriva anche Ceccuzzi" (GoNews.it).
(1/3) "Mps avvia azioni legali contro Vigni, Mussari, Nomura, Deutsche Bank" (It.Reuters.com); "«Mussari è un uomo del partito». Le telefonate incastrano il Pd" di Gian Marco Chiocci (IlGiornale.it) ripreso da "Ora i piddini tremano davvero: ci sono almeno 4 mesi di intercettazioni su Mussari !" (Report84.it); "Fondazione Mps: ok a bozza nuovo statuto, ora consultazione pubblica" (IlMondo.it).
(2/3 e 3/3 silenzio ! Poi il 4/3) "Siena sta perdendo il Monte ma anche Comune Asl e Università sono terremotati" (PensaLibero.it).  "B.Mps: Codacons, Tar Lazio convoca Bankitalia e Tesoro 7/3" (MilanoFinanza.it). "La banda del 5% era attiva da oltre dieci anni" (FinanzaInChiaro.it). "Valentini sulle nuove primarie senesi: «È la strada giusta, ma dovranno essere aperte e non teleguidate, senza veti e veleni»" ValDElsa.it).
(5/3) "Mps, perquisiti due componenti del Cda. Si indaga su una ipotesi di insider trading. Sequestrati altri 6 mln di euro" (NotizieTiscali.it). Recuperato da Gennaio "Siena e il sogno del grande Monte. Il più antico forziere del mondo" di Pino Di Blasio (QN.Quotidiano.net).
(6/3) "Mps, danni da 700 mln a Nomura, 500 a Deutsche, in solido con Mussari e Vigni" (It.Reuters.com). "Mps: Almunia, aspettiamo ancora piano ristrutturazione" (Corriere.it). "Mps, perquisizioni a componenti del Cda. Nuovo filone d'inchiesta, insider trading" (Ansa.it). "Mps, s’indaga nel Salento. Perquisita a Cutrofiano abitazione di Gorgoni" (LaGazzettaDelMezzogiorno.it). "Monte Paschi, suicida David Rossi responsabile della comunicazione" (AdnKronos.com). "Bankitalia, ecco il verbale dell’ispezione 2010 su Mps" (LInKiesta.it).
(7/3) "Mps, si è ucciso David Rossi, il capo della comunicazione" (NotizieTiscali.it), "Mps, David Rossi e il giallo della lettera alla moglie. Pm ordina l’autopsia" (BlitzQuotidiano.it), "Mps, setacciate le agende, il pc e il telefonino di David Rossi" (Repubblica.it), "Maledizione Mps: suicida manager" (IlGiornale.it). "Altra vittima di Bankenstein" (StampaLibera.com). "MPS molto più di uno scandalo finanziario È ora che qualcuno risponda" (Diritto.net).
(8/3) "David Rossi, lunga telefonata prima della fine. Un video sul suicidio" (Notizie.Virgilio.it). "Mps: Visco, uso improprio della finanza" (NotizieTiscali.it). "Mps/ Saenz (Santander): No comment su vicenda vendita Antonveneta" (IlMondo.it). "Siena e Mps, l’ex sindaco: banca e città gestiti con odii e ricatti" (LIndipendenza.com). "Prima la “cavolata”, poi la volata - David Rossi temeva l'emersione di un sospetto, di una calunnia, o forse di una verità" (Report84.it). "Rossi, autopsia confermerebbe suicidio. L’ad Viola interrogato per 2 ore dai pm" (LaStampa.it).
(9/3) "Mps e Ior, figurati se qualcosa li lega..." di Piero Laporta e "L’8 Marzo 1993 il mitico Prof. Giacinto Auriti denunciava la Banca d’Italia" (NoCensura.com). "Mps, si indaga per istigazione al suicidio" (Corriere.it). "Mps, il suicidio di Rossi entra nell’inchiesta" (IlSecoloXIX.it). "Mps, Baldassarri resta in carcere. E' caccia al tesoro dei manager" e "Mps, «Rossi vittima della fuga di notizie» La Procura cerca chi spaventò il dirigente" (IlMessaggero.it). "Mps, il suicidio di David Rossi. La telefonata del mistero" (LaNazione.it). "Mps: funerale con la bandiera della contrada per David Rossi" (LiberoQuotidiano.it) ma Mussari non c'era... "Le fondazioni bancarie e la politica" e "Considerazioni in morte di Rossi" (LexDc.Blogspot.it). "Abbiamo perso le parole... non perdiamo l'obiettivo" (IlCittadinoOnLine.it). Interessante l'analisi "Quando il silenzio interrompe la comunicazione: il suicidio di David Rossi" (Ferpi.it).
(10/3) "Mps, Nomura presenta ricorso a Londra sul caso derivati" (Repubblica.it). "Monte Paschi, trovato un altro tesoro. La Svizzera indaga per riciclaggio" (Corriere.it). "Mps, su Baldassarri ora si indaga anche per il reato di riciclaggio" (IlSole24Ore.com). "Inchiesta Mps, settimana decisiva" (GoNews.it). Fa nascere altri dubbi "Le stranezze del suicidio in MontePaschi" (NoCensura.com).
(11/3) "Guerra dei minuti tra Mps e Nomura" (LaNazione.it). "Mps: Fondazione vende ancora, cede 0,7%" (Ansa.it). "Mps, sentiti in procura due colleghi di David Rossi" (LaNazione.it). "Abbiamo un'altra banca ! Lo scandalo MPS non è bastato: il PD di Bersani non riesce a star lontano dagli sportelli bancari..." (DagoSpia.it).
(12/3) Come era facile prevedere "Tutti i tribunali italiani occupati a perseguitare il Cav. E intanto su Mps tutto tace" (IlFazioso.com)...

>>>ooo<<<

26/2/13 - Dopo le elezioni... - Col risultato elettorale che c'è stato questa faccenda senese rischia di essere gettata nel cestino perché, in fin dei conti, è dannosa per tutti. Ma soprattutto perché con tutto il can-can che c'è stato ormai nessuno può più pensare - almeno per un pò - di poter mungere la mucca bianco-nera... Già, adesso la canzone di moda diventa "Chi ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato..." con quel che segue. Staremo a vedere, sperando di essere cattivi profeti.
I fatti - (23/2) "B.Mps: guai per Mussari per crac pastificio Amato" (MilanoFinanza.it); "Mps. Guzzetti: «Si sapeva che finiva così»" (NotizieTiscali.it); "Mps, Mussari e Ceccuzzi indagati per il crac del pastificio Amato" ma l'ex sindaco replica "«Sono estraneo alla vicenda»: ora Ceccuzzi medita il passo indietro" (LaNazione.it).
I media - (23/2) "«Mps sapeva dei debiti di Amato»" (CorriereDelMezzogiorno.it); (24/2)Mps, un fiasco mai visto dal 1472» Il Nyt: distrutta banca sopravvissuta ai secoli" (Corriere.it); (25/2) "Non c'azzecca proprio la finanza con le Coop" (Panorama.it).
La politica - (23/2) "Elezioni 2013: lo scandalo del Monte dei Paschi sull'Herald Tribune" (HuffingtonPost.it); (24/2) "Ecco come le cooperative toscane (...)" (DagoSpia.com) cui fa seguito "Unicoop Firenze: su Mps convergono incassi dei supermercati e prestito sociale" e poi "La risposta di Unicoop su Mps non convince" (Lavoratori-Unicoop.Blogspot.it); (25/2) "Mps, Ceccuzzi si ritira: stop alla corsa a sindaco di Siena" (Unita.it); "Mps: Ceccuzzi, mi ritiro con profondo dolore ma per bene di Siena" (AdnKronos.com).    
Dall'estero - (23/2) "Italian banks. Mid-crisis life" (The Economist - Inghilterra); "Patron of Siena Stumbles" (The New York Times - USA).
Le note - (24/2) "Perché il Mps va nazionalizzato il prima possibile" (CadoInPiedi.it); (25/2) "Un conto è Mps, un altro sono Saipem e Finmeccanica" (LibertaEPersona.org); "La Fondazione Mps fonte di indagini giudiziarie" (LexDC.Blogspot.it).

22/2/13 - Ci vorrebbe Sherlock Holmes... - "Elementare, Watson, elementare !" diceva il personaggio di Sir Conan Doyle quando spiegava al suo assistente come era arrivato ad individuare l'assassino. Ci vorrebbe anche in questa sporca storia qualcuno che potesse dire le stesse parole, dopo aver svelato quel che è successo a Siena (o chissà dove: la globalizzazione lo consente...). Invece, leggendo gli articoli che seguono - raccolti in questi quattro giorni, gli ultimi sono in fondo - viene solo in mente Mina, con la bella canzone che diceva "Parole, parole, parole...". Bisogna ammetterlo: ci si capisce sempre meno...
I fatti - "Draghi: «Su Mps attività criminali»" (IlGiornale.it); "Mps esce dalle partecipate del Comune di Firenze" (NoveFirenze.it); "Mps, GdF acquisisce documentazione responsabile comunicazione", "Mps, perquisizioni nelle abitazioni private di Mussari e Vigni", "Mps: pm Siena vede colleghi inchiesta Ccf" (NotizieTiscali.it); "Mps, si indaga su ipotesi spartizione Pd-Pdl" (Repubblica.it) e quindi "Mps, Pollina e Manciulli dai pm" (LaNazione.it); "Mps: gip, ex vertici hanno messo banca in precario equilibrio economico" (AdnKronos.com); "Mps: Viola, cose brutte scoperte da noi" (LaNazione.it); "Consob: Mps ha ingannato i risparmiatori" (BlitzQuotidiano.it); "Mps: Baldassarri, Bankitalia nel 2010 non chiese chiarimenti su Alexandria" (LiberoQuotidiano.it); "Caso Mps, nuove perquisizioni: Ipad e pc sequestrati all'ex dg Vigni" (LaNazione.it); "Mps, pm Siena interrogheranno Baldassarri domani a Milano" (It.Reuters.com); "Mps, Codacons diffida Corte dei Conti su via libera a Dpcm Monti bond" (MilanoFinanza.it); "Mps: Unc, pesante l'accusa della Consob" (AgenParl.it); "Mps, il sospetto dei pm di Siena: «Dagli indagati versioni concordate»" (IlMessaggero.it); "Mps, Baldassarri interrogato tre ore, ripete: «Banca sapeva»" (It.Reuters.com); "Mps: via libera della Corte dei Conti a decreto su Monti bond" (Finanza.com).
La politica
- Molte le reazioni a questo documento: "Mps, il documento: «Non belligeranza tra Pd e Pdl». Verdini: «Totalmente falso»" (IlFattoQuotidiano.it), "Mps: Bersani, accordo Pd - Pdl ? Ipotesi lunare", "Mps: Ceccuzzi, documento Pd-Pdl è polpetta avvelenata" (Asca.it). Ma anche "Mps: Quagliariello, scandalo rosso. Non ribaltare realtà" (Asca.it); "Donatella Santinelli (Pdl): «Le bugie hanno le gambe corte, la verità è nei numeri»" (QuiSiena.it); "Monte dei Paschi, gli ex fedelissimi di Verdini negano patto Pd-Pdl" (IlSitoDiFirenze.it).
I media
- "Montepaschi patto Pd-Pdl: un documento in mano ai pm" (LaNazione.it); "Giallo su patto scritto Pd-Pdl in Mps" (IlMessaggero.it); "Mps, Mussari chi ?" (Panorama.it); "Mps, rientrato allarme su depositi" (It.Reuters.com). C'è poi "Mps, cosa cercano a casa Mussari ?" (EuropaQuotidiano.it): il documento relativo al patto Pd-Pdl, cui fa riferimento l'articolo, è stato pubblicato dal Corriere Della Sera e una copia è stata salvata, per ogni evenienza... Intanto "Non c’è pace a Siena. Il papello su Mps torna dividere i Democratici" (EuropaQuotidiano.it) e "Mps: Guicciardini, su Pd non accettiamo illazioni" (LiberoQuotidiano.it);
"Scandalo Mps, le mani di Vittorio Grilli sulla banca" (Panorama.it). 
Dall'estero - "Italy’s scandals echo the ‘tangentopoli’" (Financial Times - Inghilterra): non c'è molto altro, loro si sono già stancati del nostro sistema...
Le note - "Mps, la fondazione resta senza soldi e i comuni senesi anche" (Panorama.it); "Finanza e Vaticano: un intreccio spinoso. Che passa (forse) anche per Siena" (ApocalisseLaica.net). Anche i saggi hanno ormai poco da dire, per non intaccare la propria credibilità o per non compromettersi: non si sa mai, le elezioni potrebbero anche modificare l'ottica di valutazione...

18/2/13 - La settimana di passione... - Fra pochi giorni andremo alle urne e quindi i più furbi colgono la palla al balzo, approfittando della scarsa attenzione dei concorrenti che sono impegnati nei comizi finali. Per ora in tutta questa storia si seguita a capirci molto poco, è tutto un susseguirsi di personaggi, di dichiarazioni e di critiche il cui peso è tutto da valutare, specie in un contesto come quello messo in piedi da decine di magistrati di città diverse, ognuno preoccupato di non perdere nemmeno un lumicino di questa ribalta. Si comincia anche a vedere qualche timida reazione dei senesi, ma di lettere al direttore non se ne leggono, nemmeno anonime: si conoscono tutti e anche una parola potrebbe essere rivelatrice, con le vendette che sono un costume nella città del Palio... 
I fatti
- "Mps, interrogato a Milano Baldassarri «Mai nascosto il contratto Alexandria»" (Repubblica.it); "Mps: dopo primo 'round' interrogatori, settimana di studio per pm" (Asca.it); "Consob: Mps ha ingannato i risparmiatori" (BlitzQuotidiano.it); "Mps: pm Siena e Firenze ascoltano ex esponente Pdl" (Ansa.it); "B.Mps: Codacons, Bankitalia non deposita documenti al Tar" (MilanoFinanza.it).
La politica
- "Grillo: «Mps, commissione d'inchiesta sul Pd»" (Corriere.it); "Grillo vuole il politometro: «Mandiamoli a casa Mps, commissione d'inchiesta sui vertici Pd»" (Repubblica.it); "Mps,Grillo: inchiesta su vertici Pd" (TgCom24.Mediaset.it); "Mps: Casini, monetine sono errore, io sono per giustizia serena" (LiberoQuotidiano.it); "Mps/ Bondi incalza Bersani: 10 domande sul caso" (IlMondo.it) con Berlusconi che dice: "Monti ha toccato il fondo. E il Pd sapeva tutto su Mps" (IlGiornale.it); "Mps/ Di Pietro: Interrogazione contro decreto-inciucio" (IlMondo.it).
I media
- "Grillo e Monti su Mps: chi dice il falso ?" (LInKiesta.it); "Mps: monetine e tangenti, dal Raphael a Siena" (Tg.La7.it); "Fondazione MPS ecco la lunga stagione dei debiti comunisti" (Finanza.com); "B.Mps: Confronti, Profumo punta a indebolire la Fondazione" (MilanoFinanza.it); "Così Mps ha manipolato il mercato. Il rapporto Consob ai pm di Siena" (Repubblica.it). 
Le note - "Mps, Mussari" (QN.Quotidiano.net); "Tito Boeri: «Mps, responsabilità del Ministero del Tesoro" (OkSiena.it); "Tangentopoli, l’evoluzione della specie. Navigando in un mare di “vaffa”" (BlitzQuotidiano.it); "Altra tangentopoli? Forse, ma questa volta non la beviamo tutta !" (PensaLibero.it).

15/2/13 - Stupidità comandate ? - E' comparsa su Facebook la "Petizione collettiva a difesa del buon nome del Monte dei Paschi di Siena" e l'ho subito condivisa, anche in considerazione delle stupidità - per altro assai poco credibili come spontanee - che stanno avvenendo, come "Corteo a Bologna, uova e slogan anti Mps" (Ansa.it), "Mps, Mussari in Procura: lancio di monetine e grida, «Ladro, buffone»" (IlFattoQuotidiano.it) e altre ancora. Se è assurdo che ciò avvenga a Siena, dove la ricerca della verità potrebbe almeno far sperare, è senza motivo che avvenga altrove.
I fatti
- "Mps: Mussari in procura, 'ladro' e lancio di monetine" (Ansa.it); "Mps: pm Milano chiede convalida fermo in carcere per Baldassarri" e "Mps: per ora non prevista nuova convocazione di Mussari" (AdnKronos.com); "Mps, Pm senesi pronti a volare in Spagna per sentire Botin" (QuiSiena.it); "Banca MPS (-2%): verbale interrogatorio Mussari secretato" (LaStampa.it).
La politica
- "Mps/ Berlusconi: E' grande scandalo, sinistra dentro totalmente" (DiarioDelWeb.it); "Mps, calcio, finanza: scandali e arresti in vista delle elezioni 2013" (LeggiOggi.it); "Mps. Di Pietro: «Monti e Grilli sapevano ma si sono girati dall'altra parte»" (UltimOraNotizie.it); "Da Mps a Finmeccanica, le 18 inchieste che scuotono la campagna elettorale" (IlSole24Ore.com); "Il dibattito in consiglio provinciale sulla Fondazione Mps" (SienaFree.it); "Mps. Brunetta: «Linciaggio di Mussari, linciaggio della giustizia»" (AgenParl.it); "Mps: Tabacci, e' peggio di Tangentopoli" (Ansa.it).
I media
- "Lucia Aleotti (Menarini) e Mps:abbiamo una banca e ce la teniamo" (Panorama.it); "MPS, Il silenzio degli innocenti" (Gazzettino Senese).
Dall'estero
- Punti di vista spesso diversi. "Latter-day plague imperils Bersani" (Financial Times - Inghilterra); "L'ex-directeur financier de Monte dei Paschi arrêté près de Milan" (Le Monde - Francia); "Staatshilfen für MPS könnten bald fliessen" (Neue Zurcher Zeitung - Svizzera); "Erste Festnahme bei Monte dei Paschi" (Frankfurter Allgemeine Zeitung - Germania); "Italian Bank Confirms Loss of $985 Million in Secret Deals" (The New York Times - USA).

14/2/13 - Un arresto c'è stato... - L'avevate mai sentito nominare, voi gente della strada, questo signore che è stato arrestato ? Probabilmente no, ma questa è la regola nei gialli di questo tipo e chissà quante altre volte ci porremo questa domanda nei giorni a venire. Pensate a quanto è diverso quando i media e la giustizia si buttano a capofitto su personaggi che non hanno alle spalle nessun apparato, come Corona o Misseri, quando cioè non si corre alcun rischio di vendette trasversali o non si hanno protezioni forti...
I fatti
- "Mps, Gianluca Baldassarri fermato. «Aveva smobilitato titoli per 1 milione»" (BlitzQuotidiano.it); "Mps, fermato il manager Baldassarri. Gravi indizi e concreto pericolo di fuga" (AdnKronos.com); "Mps, chi è il primo arrestato" (Espresso.Repubblica.it); "Mps files: il mistero delle denunce scomparse" (Panorama.it); "Mps, Mussari e Vigni ostacolarono vigilanza" (Ansa.it); "Bps, gli ispettori sulle offerte per il 26% di Mps: «Due improcedibili, una del tutto preliminare»" (Umbria24.it).
La politica - "Berlusconi: «La sinistra ha chiesto aiuto a pm e giornali per coprire lo scandalo Mps»" (IlGiornale.it); "Berlusconi ad Agorà critica Monti e attacca il pd sullo scandalo MPS" (CentroDiAscolto.it).
I media
- "Le toghe ancora in Mps ma nessuno apre bocca" (LiberoQuotidiano.it); "Mps e la fusione con Bnp Paribas" (Panorama.it) e poi "Banche, i francesi di Bnp intressati a Mps svalutano la Bnl per quasi 300 milioni" (IlFattoQuotidiano.it); "Mps, Adusbef attacca Draghi: «A Bankitalia non manca potere ma volontà»" (IlFattoQuotidiano.it).

13/2/13 - Chissà se San Valentino... - La situazione sembra essere ancora peggiore del previsto anche se i personaggi della vicenda mostrano molta sicurezza, aiutati anche da una campagna di copertura mediatica che ricorda solo l'antiberlusconismo dantan - manca solo Ilda la rossa - con azioni da suicidio di massa (vedere la reazione dell'India) e mettendo all'attivo anche la detestata CasaPound ! Ma le voci corrono e la prospettiva di passare sotto BNP Paribas non è poi tanto incredibile e quelli non scherzano davvero. Non resta che sperare in un Santo di buon carattere, proprio come Valentino, protettore degli innamorati e degli epilettici...
I fatti
- "Mps, Pirondini ascoltato in procura" (LaNazione.it); "Mps: pm in banca, acquisiti documenti" (Ansa.it); "Euribor: Trani,sentito dirigente Mps su calcolo tassi banche" (IlMessaggero.it); "Affari in Maremma lontano da Mps" (IlTirreno.it).
La politica - Una domanda d'obbligo "Quanto costerà Mps al Pd ?" (LaStampa.it) e ora che fa comodo, la rossa Siena fa parlare anche CasaPound "Mps, basta con lo sciacallaggio" (IlCatenaccio.WordPress.com da Corriere di Siena) ma d'altronde "Così tentano di coprire lo scandalo Mps" (IlGiornale.it); "Vogliono coprire il caso Mps e impedire la vittoria del Pdl" (Repubblica.it).
I media
- "MPS, una storia italiana: banche, politica e…" (LibertaEGiustizia.it); "Maugeri, Formigoni indagato: «Una mossa per coprire Mps»" (BlitzQuotidiano.it); "Scandalo Mps: la parabola di Acetello, l'amico di Mussari" (Panorama.it); "Francesi freddi sul dossier Mps" (MilanoFinanza.it).

12/2/13 - Hanno tutte le fortune... - Distratti dalle dimissioni del Papa, i media hanno dedicato oggi una infinità di pagine a questo nuovo argomento - che tirerà fino alla fine del mese in bella coppia con la contesa elettorale e anche un altro mesetto dopo - e se ne ha fatte le spese Sanremo, ne ha fatte anche - e ne farà ancora di più - la faccenda Mps, nella quale cominciano ad apparire desolanti diversivi e tappetini cuciti ad-hoc dalla magistratura (o è solo un caso ?) con Formigoni e Finmeccanica... Riusciremo mai a sapere come sono andate le cose ? Chi li ha presi i quattrini dei senesi ? Finirà che troveranno un maggiordomo, meglio se in livrea...
I fatti
- "Mps, nuove perquisizioni e sequestri. Nel mirino il figlio dell’ex fantino Aceto" (LaStampa.it); "Mps, cinque indagati in filone inchiesta su acquisto immobili" (NotizieYahoo.com); "Mps, Marco Morelli in procura" (LaNazione.it); "Mps, Immobili e ristoranti. L’inchiesta svela il sistema" (LaNazione.it); "Mps, interrogatorio fiume anche per Di Tanno: sei ore dai pm" (LaNazione.it); "Mps, commissariata Banca Popolare di Spoleto, Siena è il secondo socio" (IlFattoQuotidiano.it); "Fondazione Mps, controllo Montepaschi in pegno a 12 banche" (Reuters.com); "Nuove perquisizioni a Siena, indagini su presidente Mps Leasing" (TMNews.it).
La politica
- "Bersani: «La responsabilità dello scandalo Mps è anche delle banche d’affari»" ILFattoQuotidiano.it); "Pagliaro (Mir): «Caso MPS-121, anche la magistratura pugliese accenda un faro»" (IlPaeseNuovo.it); "Mps e Siena, il coraggio di ripartire" (IlCorriereFiorentino.it); "Mps, Ingroia a Siena: «Vicenda risultato dell’intreccio perverso tra politica e banche»" (AgenziaImpress.it).
I media
- "Enigma, sequestro per 3 milioni. E Mps non esclude il Tesoro fra gli azionisti" (Tg1Rai.it); "Maugeri, Formigoni indagato: «Una mossa per coprire Mps»" (BlitzQuotidiano.it); "Nuova tangentopoli in arrivo con Monte dei Paschi" (Finanza.com); "Mps, lo strano caso di Aceto jr" (Espresso.Repubblica.it).
Le note
- "Caso MPS: nessun rischio per mutui e conti bancari" (MutuiOnLine.it). E l'onesto rappresentante della Rotschild afferma "Mps: «Niente mazzette, ma errori di Bankitalia: Siena non aveva i soldi»" (IlFattoQuotidiano.it), ricordandoci la storiella del tacchino che fa il menu per il pranzo di Natale...

11/2/13
- Nascondere tutto, per favore... - Messo in linea nella rassegna stampa della Camera e come al solito subito cancellato, come potete vedere e provare, il servizio "Mps files: il mistero delle denunce scomparse" (Panorama) per ora sopravvive nel sito della AGCI (Associazione Generale Cooperative Italiane) è interessante e compromettente per la casta; l'ho comunque salvato... Intanto il Papa se ne va e c'è chi si chiede "Il Papa si dimette. C'entrano qualcosa Ior e Mps ?" (CadoInPiedi.it). Chissà...
I fatti - "Mps, verifiche su bilanci e consiglieri" (Corriere.it); "Mps, settimana della verità: in procura si comincia con l'ex Marco Morelli" (Repubblica.it); "Mps, bilancio 2009 nel mirino. Venerdì Mussari dai pm" (IlMessaggero.it); "Mps. Invitato in Procura presidente Santander per il caso Antonveneta. Non si sa se verrà" (Grr.Rai.it); "Mps, procura Prato indaga su prestito da 150 milioni a Btp nel 2008" (It.Reuters.com); "Fondazione Mps, il futuro della banca è a Siena. Per Palazzo Sansedoni in arrivo il nuovo statuto" (AgenziaImpress.it).
I media - "Quando Mps ripuliva a Forlì soldi di San Marino. Per Bankitalia era tutto regolare" (IlFattoQuotidiano.it); "Caso Mps, anche da Udine si punta alla “class action”" (MessaggeroVeneto.it).

10/2/13 - L'utilissimo tappeto... - La situazione è sempre la stessa: novità reali non ce ne sono e, molto probabilmente, non ce ne saranno fino a dopo le elezioni, vista la preoccupazione di tutti i maggiori gruppi politici di poter venir chiamati in causa. Ma ciò è una manna per i lazzeroni e gli incapaci che hanno portato alla rovina il Monte dei Paschi e la stessa Siena ! C'è tempo per scrivere un bel copione e tirare così in ballo un pò di gente, dall'Opus Dei alla Massoneria, tappeto sempre utile quest'ultima per nasconderci sotto la verità, come sempre si usa fare in questo Paese, dove la verità non viene mai a galla. Avete presente Ustica ? E le varie stragi ? E i delitti celebri ? E la Tangentopoli che servì solo a lanciare Di Pietro ed a rinnovare gli organici della casta ? L'elenco è lungo ma la metodologia è sempre la stessa, che si tratti del "Mostro di Firenze" o del "Ladro di Siena". Poi un giorno arriva il "Tana ! Libero tutti ! " oppure, accade ancora più spesso, cade tutto nel dimenticatoio, in una confusione che rende impossibile capirci ancora qualcosa...
I fatti - "Mps, i pm di Siena a Firenze: ascoltati Monaci e Amato" (Repubblica.it); "Mps, Profumo: «A breve firmerò l'emissione di Monti-Bond. Mps in grado di stare in piedi da solo»" (NotizieTiscali.it); "Mps, vertice tra i magistrati. Sequestrati oltre 3 milioni alla società Enigma che operò per Mps" (NotizieTiscali.it); "Mps, Visco: «Serve una legge per poter rimuovere i vertici delle banche»" (BlitzQuotidiano.it); "Mps, Ex dg Vigni dai pm: interrogato per altre otto ore" (NotizieTiscali.it).
I media
- "Mps: Cav «E' scandalo enorme, sottostimato»"  e il video su "Mps, le lacrime e la rabbia dei senesi travolti dallo scandalo" (NotizieTiscali.it); "Università di Siena" (PensaLibero.it); "Monte dei Paschi: cortine fumogene per eludere le responsabilità" (LiberAgora.it).
Le note - "MPS: altro che derivati e banda del 5%, ora tutti si accorgono delle acquisizioni miliardarie e dell’intreccio con la politica" di Nicola Cariglia (PensaLibero.it).

9/2/13 - Ora hanno tutti da fare... - La corsa elettorale seguita ad imperversare, fra sondaggi sempre meno affidabili, più orientati a fare da "influencer"che a stimare le previsioni di voto. C'è quindi sempre meno su questo tema e soprattutto non c'è ancora modo di vederci chiaro in questa sporca faccenda. Chissà che succederà dopo le elezioni, quando riprenderanno tutti i loro... lavori ! 
I fatti
- "Mps: Gdf sequestra 40 milioni di euro. Mussari e Vigni indagati: «Attuarono un medesimo disegno»" (NotizieTiscali.it); "Mps, Draghi: «Bankitalia
agì bene e velocemente». Viola: «Avanti con il piano»
" (QN.Quotidiano.net); "Quando a Tangentopoli i pm decisero di non indagare su Bankitalia" (LInkiesta.it); "Trading dalle spiagge di Miami, nella 'voragine Baldassarri' Mps perse 800 milioni" (RaiNews24.it); "«Mps, la banda del 5% c'è»" (Lettera43.it).
I media
- "Mps, spuntano nuovi nomi nell'inchiesta. Viola assicura: «Non ci sono altre Santorini»" (NotizieTiscali.it); "Mps, il Wall Street Journal: «Nel 2011 Bankitalia prestò due miliardi»" e "Mps, l’ad Viola: «Non c’è fuga di depositi, non ci sono altri derivati»"(BlitzQuotidiano.it); c'è poi la famosa mamma sempre incinta: "Mps: giudice fallimentare a curatori, estinguere c/c banca" (NotizieTiscali.it) ! Ottimistico è tuttavia l'ad: "Mps: Viola, finanza ora è residuale" (NotizieTiscali.it), speriamo abbia ragione lui...
Le note
- Non certo fuori luogo né improbabile "Complotto anti Italia svelato: magistrati, politici, elettori" (BlitzQuotidiano.it) di Lucio Fero; "Distruzioni di valore" (Corriere.it) di Sergio Rizzo. "Anche il Pdl nel sistema Mps" (Corriere.it) intervista a Paolo Amato, ex berlusconiano.

6/2/13 - Che silenzio !... - Dopo l'immensa mole di accuse e controaccuse dei giorni scorsi, la casta deve essersi accordata: "Su questo tema abbiamo da perderci tutti, lasciamo stare per ora..." perché all'improvviso c'è un assordante silenzio al di fuori delle notizie che vengono dalle indiscrezioni consuete delle procure o dal lavoro di scavo dei corrispondenti più abili. Staremo a vedere...
I fatti
- A quanto pare, di segnali preoccupanti ce ne sarebbero stati molti in passato, come espone l'articolo "Mps. Esposto alla Consob del 2011: «Venite, è facile verificare le truffe»" e naturalmente non ci andò nessuno. Ora si gioca a poker, tirando fuori gli assi anche... dal naso: "Mps. Sparite mail dal pc di Mussari, un testimone parla del ruolo dello Ior nell'acquisizione di Antonveneta" (NotizieTiscali.it) mentre "Mps. Superteste Rizzo: «Chiedete a Tarantola». Clausola Antonveneta: acquisto al buio" (BlitzQuotidiano.it). Ciò ha anche conseguenze indirette: probabilmente è proprio dopo quel che è avvenuto a Siena che adesso "La Bce ha bisogno di 2000 'segugi' per vigilare le banche" (BlitzQuotidiano.it). Di nuovo c'è solo "Dal Monte dei Paschi di Siena sconti sui mutui per le case Pd" (NoCensura.com). E per concludere - cosa indegna, lo avevamo già detto - viene ribadito che nel "Caso Mps, cronisti fuori dall’aula perché palazzo “non a norma”. L’Odg: «Inaudito»" (IlFattoQuotidiano.it) ! 
I media
- Rieccoci con "I derivati, una bomba ad orologeria globale !" (NoCensura.com) per approfondire ulteriormente l'argomento. Poi c'è un altro libro e la recensione si trova in "«Banchieri & compari»: radiografia di una crisi" (CadoInPiedi.it). 
Le note
- Storicamente molto importante "Il caso Monte Dei Paschi di Siena e il ruolo dell'Europa" (InformareXResistere.fr) di Sergio Di Cori Modigliani che ricorda come fosse stata proprio la banca senese ad inventare i derivati e a provocare "... la più grande catastrofe economica che si sia mai realizzata nella Storia della Civiltà: il crollo della borsa di Amsterdam il 9 febbraio del 1637";

5/2/13 - La prudenza non è mai troppa... - In questo periodo e su questo argomento, visto anche il periodo pre-elettorale, è tutto un pubblicare ed un togliere: per esempio, il servizio di Panorama "Monteminato" era stato messo in linea nella rassegna stampa del CNEL (andate a vedere il risultato della ricerca con Google) ed è stato subito tolto, scelta evidentemente condivisa anche dalle rassegne stampa della Camera, del Senato e da tante altre come, ancora ad esempio, quella di Territorio Scuola: fate la prova andando a vedere anche in questo caso la ricerca fatta con Google ! Ovviamente in ossequio alla libertà di stampa e d'informazione, nella quale infatti, come dice No Censura, "Libertà di Stampa: classifica RSF, Italia recupera posizioni ma è sempre 57°"... Ma c'è di più: leggete il comunicato dell'Ordine dei Giornalisti della Toscana "Siena, giornalisti cacciati dal Palagiustizia. La stupefacente motivazione: l’edificio non è a norma" ! Come si suol dire, l'affare s'ingrossa e ciò va a tutto scapito del raggiungimento della verità.
I fatti
- "Santander cedette Antonveneta a Monte Paschi prima di acquisirla" (Lettera43.it); "Mps: Fitch conferma i rating" (NotizieTiscali.it); "Mps, consegnati avvisi a Mussari e Vigni. «40 milioni tornati con scudo fiscale»" (BlitzQuotidiano.it); Mps: “conti coperti” allo Ior. “Banda del 5%”: ci sono le registrazioni" (BlitzQuotidiano.it); "Mps, Rizzo conferma accuse agli ex vertici della banca. Mussari in procura: «Parlo, ma non oggi»" (QN.Quotidiano.net).
La politica
- "Mps, monito di Napolitano: «Stop al cortocircuito stampa-giustizia»" e poi "Mps, Maroni contro Napolitano: «In campo per coprire lo scandalo»" (NotizieTiscali.it) ma ci sono anche "Mps, Maroni accusa Napolitano: «Copre lo scandalo per favorire il Pd ?»" (BlitzQuotidiano.it) e "Mps, Maroni attacca Napolitano. Il Tar non sospende i Monti-bond. Una decina gli indagati" (QN.Quotidiano.net). A quanto sembra c'era anche "Il Pdl dentro il Monte dei Paschi di Siena" (BlitzQuotidiano.it).
I media
- Anche questo giallo serve a fare utili e quindi lo speciale "Avevano una banca" Panorama lo ha diffuso a pagamento... Ci sono però: "PD: avevano una banca, ora hanno una bancarotta" (AgoraVox.it); "Avevano una banca ! Udite udite: fingono di non conoscerlo, ma "Mussari chi" risulta ancora iscritto al PD di Siena" (DagoSpia. com); il video "«Avevano una banca»" (LUltimaParola.Rai.it) di Edoardo Di Lorenzo; il commento "Che il PD faccia almeno autocritica !" (PensaLibero.it) di Giancarlo del Balio che commenta "Come fa dopo 15 anni di dominio nel MPS a tirarsi fuori e far finta di niente ?"; "Chi ruba 100 è un ladro; chi ruba 100.000 è un politico, chi 1 miliardo è un banchiere" (NoCensura.com).
La giustizia
- "Mps, la Procura di Trani indaga su Bankitalia e Consob. Viola: «La nostra è una banca solida»" (NotizieTiscali.it), "Mps, la svolta: «Pronti inviti a comparire». Il ruolo del consigliere Pisaneschi" (BlitzQuotidiano.it). Nell'articolo "Le pene per i banchieri a Siena" (ItaliaOggi.it) Franco Talenti racconta delle procedure sbrigative che erano in uso nel 1623: efficaci e scoraggianti !
Le note
- "Il caso MPS e la stampa 'embedded'" (CadoInPiedi.it) di Oliviero Beha; spiegato in maniera molto semplice "Che cosa sono i derivati" (IlPost.it) di Davide Maria De Luca; "Re Giorgio, il Monte dei Paschi e il pateracchio politico italiano" (LIndipendenza.com) di Daniele Vittorio Comero; "Il guazzabuglio delle commissioni bancarie" (CadoInPiedi.it) di Claudio Messora; "Monte dei Paschi: cortine fumogene e palloni in tribuna per eludere le responsabilità" (PensaLibero.it) di Nicola Cariglia; "MPS, Storia di uno scandalo italiano" (CadoInPiedi.it) di Gianni Dragoni. E torna a galla un libro pubblicato un anno fa e segnalato da un articolo anticipatore: "Mussari Giuseppe: una biografia (non autorizzata)" (Radicali.it).

2/2/13 - Sempre di più, sempre di meno... - Il numero dei personaggi coinvolti e dei fatti rilevati - ma anche delle ipotesi rifilate di soppiatto ad usum delphini - è in continuo aumento ma di chiarezza ce n'è sempre meno: questa faccenda ha fatto e fa comodo a troppi perché la si possa finalmente assumere in una visione per lo meno attendibile e lo dimostrano gli articoli pubblicati in questi giorni...
Le reazioni - Reazione assai importante, specie in periodo di elezioni, il comunicato "Mps: il Gran Maestro Raffi, la Massoneria non ha le mani sul Monte, non ne controlla i conti, né interferisce sui bilanci dell'Istituto" (GrandeOriente.it) che offre anche una interessante serie di link ad articoli in qualche modo collegati con l'argomento e che ha avuto una ulteriore pubblicizzazione con la "Letter from Washington DC" di Oscar Bartoli, nella quale c'è un saggio commento di Dario Seglie. Da parte loro così si esprimono i vertici istituzionali: "Mps, Napolitano preoccupato: ma istituzioni “demolite” da 60 anni" (BlitzQuotidiano.it) e "Monti: «Fuori i partiti dalle banche». Bersani: «Via i banchieri dai partiti»" (NotizieTiscali.it). Ma c'è anche l'esperto Aldo Giannuli che chiede il "Carcere a vita per alcuni reati finanziari" (CadoInPiedi.it), affermando che "Lo scandalo del Monte dei Paschi di Siena deve imporre una riflessione sulle pene".
I media - Un'occasione come questa non si può perdere: aumentano le pagine e cresce la percentuale ammissibile di pubblicità, basta un pò di brodino e il gioco è fatto... Su Internet questo giochino cambia un poco, ma Repubblica pubblica lo speciale "Scandalo Montepaschi" (come è avvenuto in altre occasioni, sul web si possono modificare in seguito titoli e contenuti...). Mentre i lanci Ansa si susseguono, si sbizzarrisce anche la stampa on-line, da "Mps, Moody’s mette sotto osservazione rating della banca: «Possibile downgrade»" (BlitzQuotidiano.it) a "Mps, procura: inchiesta, notizie infondate", "Mps, Tar Lazio convoca Bankitalia per chiarimenti su Monti bond" e "Sondaggio Tiscali-Quorum: il caso Mps fa calare il Centrosinistra, Balotelli torna in Italia e tira su il Pdl" (NotizieTiscali.it). Poi ci sono interventi interessanti come "Dieci domande a Bersani su Mps" (IlGiornale.it), "Mps, Bari, GdF sequestra 400mila euro per illeciti su derivati" (NotizieTiscali.it) con lo spiritoso commento "Trani, giudici sequestrano soldi Mps. Puglia, “chiudono” la banca dopo l’Ilva ?". Ci si interroga anche su altre questioni come "Veltroni punta alla presidenza Rai? Mentre Tarantola è indagata a Trani" (BlitzQuotidiano.it), passando poi la parola a Stefano Filippi per "Domande ai leader/3: Che fare senza maggioranza ?" (Blog.IlGiornale.it), e con una ulteriore nota umoristica: "IMU: Imposta Unica Montepaschi - scenari attuali e futuri" (NoCensura.com).

31/1/13 - Il nuovo palio di Siena... - Il quadro di questa vicenda appare sempre più complessa e di difficile lettura all'uomo della strada, tanto che si può rischiare di veder tutto sommerso dalla sabbia degli interessi molteplici del mondo finanziario, delle varie caste politiche, degli interessi personali: sono in ballo miliardi di Euro, mica noccioline ! Spezziamolo in voci...
I fatti
- Si affacciano adesso molte domande, fra le quali
"Mps: tangenti per Antonveneta ? «2 mld distribuiti tra politici e manager»" (BlitzQuotidiano.it) mentre c'è chi si spinge a scrivere "Monte dei Paschi, banca canaglia" affermando anche che "Bankitalia e Consob sapevano: la magistratura ha ignorato gli esposti" (NoCensura.com) ma adesso "Mps, nel mirino della procura di Trani anche la Banca d'Italia a la Consob" (IlMessaggero.it). E non basta: "Mps, Mussari e Baldassarri accusati di “truffa”. Le “bugie” su Jp Morgan a Bankitalia" (BlitzQuotidiano.it) e "Monti: «No a ombre sul sistema». Il vertice della "banda del 5%": 8 bonifici da 17 miliardi" (NotizieTiscali.it).
Le reazioni politiche
- E' mare grosso e tutto cambia velocemente: il giorno prima "Mps, scontro Monti-Bersani: «Il Pd c’entra»..." e quello dopo "... soldi al Pd “per statuto”: classifica finanziamenti" (BlitzQuotidiano.it) ! Ma se "Bersani minaccia: «Su Monte dei Paschi non si azzardino ad attaccarci, li sbraniamo»" (NotizieTiscali.it) con la replica "Grillo morde ai polpacci il Bersani presunto sbranatore" (LIndipendenza.com). Poi c'è "Contrordine compagni: non abbiamo più una banca..." (Controcorrente) riferendosi probabilmente al passato: "Intercettazioni Antonveneta, l'ira dei Ds...", pubblicato da Repubblica nel 2007 (vedere anche i link correlati), e "Fassino 2006 - Abbiamo una Banca!" (Quartomondo). Bersani viene però smentito da "L'ad Viola: «Ora la banca è autonoma dalla politica»" (QN.Quotidiano.net): e allora ? Forse bisogna curare "... l'Alzheimer creditizio del Pd" (Panorama.it) !... Ci prendono per cretini ? Ma ci sono ancora "Il Monte dei Paschi senza il Pci" (IlMulino.it), "MPS: prima andavano nel pollaio a mangiare le uova, ora le galline" e "Una banca, un partito, una città" (PensaLibero.it). Intanto, non si sa mai, "Bnl-Unipol: sentenza rinviata dopo elezioni" (AdnKronos.com) !
La posizione dei media
- C'è qui un articolo incredibilmente pieno di errori (forse voluti, perché confondere le acque fa comodo a qualcuno...) come "Dall'università alla speculazione dell'aeroporto. Tutti gli sprechi targati Monte dei Paschi" (Repubblica.it) al quale ha fatto subito seguito una smentita con "La Bagnaia, i protocolli non rispettati e gli errori de La Repubblica" (QN.Quotidiano.net)... 
Le note
- Prima di tutto la dichiarazione di Andrea Baranes,
direttore dell'Osservatorio Finanza e presidente di Banca Etica: "«Il sistema finanziario? E’ come un intero frutteto di mele marce»" (NotizieTiscali.it) e dico poco... Poi ci sono "Mps, qualcuno ha fatto la cresta sugli acquisti dei Btp ?" e "Dentro il Montepaschi un hedge fund fuori controllo" (LInKiesta.it),  "MPS: le vere origini e le cause dello scandalo" e "Basta soldi degli italiani onesti alle banche disoneste !" (NoCensura.com)... Ma, soprattutto, una riflessione dello scrittore Antonio Socci: "La mia bellissima Siena, alla ricerca della sua anima".

26/1/13 (da "Ouch!") - Già, il "Monte dei Pazzi"... - Questa definizione di Roberto D'Agostino la inaugura "Monte dei Pazzi", cui segue "Mussari's Story" (DagoSpia.com). E' il fatto del giorno - anche se la cosa va avanti da decenni - con tanti articoli che ne trattano: "Mussari lascia l'Abi dopo lo scandalo derivati..." (NotizieTiscali.it); "Montepaschi, caso derivati. (...) Le accuse di Bankitalia" e visto che noi gente comune non ne sappiamo un granché, ecco una "Scheda: ecco cosa sono i derivati e quello usato dal Mps" (NotizieTiscali.it); "MPS, Bankitalia e Consob sapevano" (CadoInPiedi.it); "Renzi su Montepaschi: «C'è responsabilità della politica»" (QN.QuotidianoNazionale.it); "Mps, Monti: «Riferiremo in Aula», Colle: «Piena fiducia in Bankitalia»" (AdnKronos.com). Poi c'è stata la "Assemblea azionisti Monte Paschi Siena, Beppe Grillo: «Mps? Peggio di Tangentopoli e Parmalat messe insieme»" (HuffingtonPost.it) ed è stata una "...assemblea con Grillo show" (CorriereFiorentino.it). Mentre da Arezzo arriva "MPS: storia di un disastro annunciato" (InformArezzo.it), da Siena arriva una ventata di ottimismo con "Non sussiste il rischio del fallimento, troppa leggerezza nei giudizi" (SienaNews.it)...

   I pensieri dei lettori...  


da "Io Giornalista: I controlli su MPS chi doveva farli ?"

"Non è più quella di ieri, il bel paese dove tutti si conoscevano, ma Siena è sempre la città più bella del mondo (...). Città immutabile, dunque, ma cambiata nella realtà dei fatti: «Un tempo si andava a far salotto alla Lizza e passeggiare in Fortezza (...)»... Una città orgogliosa pur nella coscienza della sua solitudine, che fa forse passare per cambiamento dei tempi il non stare al passo coi tempi." (Da un articolo di Paola Tomassoni su "La Nazione" del 3/8/2011). Ma che cosa è successo per vedere i senesi - già ricchi di polemica combattività - restare oggi in silenzio al cospetto dell'uragano che ha travolto la loro banca, un primato europeo di cui sono sempre stati fieri ed orgogliosi ? Forse, dietro a questo silenzio, c'è un senso di colpa, nella consapevolezza di non aver saputo difendere questo grande patrimonio - il Monte dei Paschi - e con esso la conservazione delle proprie antichissime e partecipatissime tradizioni, culturali e di vita, messe adesso in pericolo dalla follia che l'ha colpito. Come lo stesso Palio, che non è affatto un "gioco" come credono i non senesi, ma una parte della loro stessa vita. E allora vediamo se riusciamo a farli "tornare alla Lizza", a parlare, a sfogarsi, a liberarsi... (Carlo Luigi Ciapetti)

L'ordine dei messaggi è inverso: si comincia dal fondo, il primo qui sotto è l'ultimo ricevuto...
chi volesse scrivere clicchi qui...

Paolo - Uno dei vizi senesi (ed italiani) è sempre stato l'anonimato. Chiediamo TUTTI  sia quello chiesto dall' "anonimo" che l'elenco che chiedo da mesi, con i nomi, le funzioni e le sigle di appartenenza (es.: XY - ex sindaco di ... , partito ..., ecc. ecc.). Mettiamolo su i muri. Potrebbe servire alle prossime elezioni comunali, dove tutti i gruppi si stanno frantumando per non disturbare (troppo) il " manovratore": che si chiami Mugnaioli oppure Valentini fa parte della solita banda. Auguri elettorali a tutti i senesi . Ma penso che a nessuno dei senesi che sanno (e sono molti) si "scioglierà la lingua".

Arturo - Si fà per dire. Avendo a che fare ogni giorno con il "Sistema Siena" !!! Elenchi  Nomi ...A che serve ?? Tutti gli elettori di Siena conoscono chi dirige il Sistema e chi ne fà parte. E voteranno ancora per autodifesa come hanno sempre votato. La situazione peggiorerà. La Città è già e sarà ancora più povera ed il Sistema avrà maggiore potere. Figuriamoci se D'Alema sarà Presidente della Repubblica, sponsorizzato da Berlusconi. L'accordo fra i due è antico e pieno. Vedremo i riflessi anche a Siena. Il Burattinaio "esterno" sale al Colle ! Però mi raccomando. Non fate un'altra Lista civica!!!

A questa e-mail - del tutto anonima, "Edoardo" è solo un nick, come per tutti gli altri che anonimi non erano - ho risposto così: "Ti ringrazio della nota, caro anonimo... Ma come mai in codesta amatissima città non parla proprio nessuno ? In fin dei conti nemmeno te, che pure sei anonimo e che da quello che scrivi fai anche capire che la risposta la conosci benissimo... Ai nomi, come puoi vedere, ci avevo rinunciato fin dall'inizio: posso capire chi dipende dal Monte, chi ha votato questa gente da decenni a questa parte, chi ha paura di vendette di città o di contrada. Ma perché nemmeno gli anonimi ? Erano - eravate - tutti d'accordo con questo "Sistema Monte" ? Mi piacerebbe tanto avere una risposta su questa situazione e inoltro quindi questo testo - a parte e senza nemmeno il tuo nick - a quei pochi senesi che hanno scritto qualcosa su questa vicenda, che rischia di far precipitare in serie D non la squadra di calcio né quella di basket ma la città più singolare e bella d'Italia, con le sue tradizioni uniche e meravigliose".
Ma conto poco sul fatto che qualcuno si faccia vivo...

Edoardo - Mi domando se non sarebbe il caso di cercare di ricordare chi cercò di opporsi alla trasformazione del MPS in s.p.a e perciò alla creazione della fondazione e chi invece le Fondazioni le volle fortemente? Il guaio Monte parte di lì.  

Ernesto - Ieri l'altro ha figliato Belem, ora siamo tutti più tranquilli ci mancano solo Bersani o Prodi oppure Amato (il ladro notturno retroattivo) alla presidenza della "repubblica" (Repubblica con la maiuscola è il giornale). Come dicevo manca uno di questi tre alla presidenza e poi il ...puttanaio italietta è completato. Intanto Mussari,Vigni, Mancini & C. girano liberi - il Gabbriellone con la lussuosa auto di servizio - e i senesi buoni e zitti continuano a frequentare gli  "spettacolini" sado-maso-comici dei vari Valentini & Mugnaioli. Intanto gli "altri" si dividono in tanti rivoli per non disturbare troppo il manovratore dell'ultimo cinquantennio ( P.C.I poi PDS e Margherita poi PD).  SIAMO NELLA POPO' sia come italietta che come .....Sienina.

Anita - Ma avete visto ? Adesso... silenzio ! Qualche cosina qua e là ma per il resto niente di niente. Aveva ragione Carlo a dire che sarebbe andato a finire tutto sotto il tappeto. Povera la nostra Siena e povera la nostra Banca... Chissà che Palio sarà il prossimo, con le Contrade senza un soldo! E se al posto dei cavalli ci si facesse correre chi so io ? Mi prenoto per fantino - coi colori del Bao Bello ovviamente - ma datemi un bel nerbo...

Marco Lelio - Nell'amara radice del cuore, sento... non il vento d'autunno, come Basho nel suo Haiku, ma la fine delle illusioni per il mio povero Paese spensierato ed improvvido. Il New York Times ha ricordato che Benito Mussolini disse "E' impossibile ignorare la realtà". Tutte le borse salgono, in prima fila Milano, e il timore, che lo stivale tiri giù l'Europa e che l'Europa tiri giù il resto, é accantonato. Le Banche Centrali tengono i tassi bassi come non mai ed iniettano liquidità a bocca di barile ... mai visti tanti soldi in libera uscita. Tutti sperano (...) ma in ogni caso c'é sempre la tentazione di ricorrere alle elezioni più anticipate che si siano mai viste, dalla Repubblica di Weimar in poi: l'elettorato non si divide più tra Guelfi e Ghibellini o tra destra e sinistra ma tra chi non vuol cambiare, perché gli va bene così com'è o perché ha terrore del nuovo, e chi vuole cambiare tutto, cominciando a gettare il fantolino prima dell'acqua sporca come Grillo. La palude Stigia di chi non sa ancora cosa farà da grande ed oscilla tra la nostalgia di Berlinguer ed il sogno di un Laburismo idilliaco sarebbe che la maggioranza assoluta fosse raggiunta da coloro che vogliono erigere una ghigliottina in ogni piazza e far diventare un titolo di merito appellativi come "populista" e "giustizialista". Mi sono andato a rileggere un articolo dello Strategic Forecasting Inc. (meglio noto come  Stratfor), scritto a fine 2008, dal titolo "Italy: Preparing for the Financial Storm" che diceva: Italy’s UniCredit has nearly $130 billion in assets in the region (more than any other bank), and Intesa has nearly $50 billion. If depreciating currencies in the region cause loans made in foreign currencies to appreciate and customers to begin defaulting, Italian banks could be in real trouble. La cosa che mi aveva colpito di più era l'esposizione creditizia delle due maggiori Banche italiane in Paesi dallo sviluppo tumultuoso ma dal futuro incerto (allora era incerto, ora invece la certezza é arrivata, grazie alla contrazione economica mondiale sviluppatasi nei 5 anni successivi, che sia una certezza funesta poco importa: nessuno ne parla più !!!) ma dei tre grandi istituti finanziari nazionali quello più percentualmente esposto in finanziamenti ad attività "ballerine" resta comunque, a mio parere, il Terzo Moschettiere, Aramis ossia il Monte di Paschi, che non é andato in giro per il mondo, ma che la fatalità se l'é cercata nella natia Toscana, investendo in una valanga di operazioni immobiliari e restandoci impantanato. Quello, che ha terrorizzato il mondo degli investitori, é stata l'Operazione Nomura, il fantasma delle perdite per titoli tossici ! Tutti a fuggire dal titolo, ma dopo il suicidio del suo Capo Ufficio Stampa... alé ! Un balzo del +7,30% ! Vulgus vult decipi, ergo decipiatur !!!

Agata - (...) è solo un pettegolezzo, ma visto che siamo in argomento ve lo racconto. Sono una vecchia cliente del MPS, la filiale è la sempre stessa e anche se gli impiegati cambiano finisco sempre per fare due chiacchiere, extra situazioni di c/c. Stamani ho chiesto al cassiere "Come va ?" e mi ha risposto "Mah! Così...". Ho aggiunto "Ora poi ci sono anche i suicidi..." ha detto "Se è un suicidio..." e allora ho chiesto "Come sarebbe ?" ottenendo questa risposta "Sapeva troppe cose... magari..un colpo di vento...". Sono rimasta di sasso e non ho fatto altre domande. Ora il giallo si fa sempre più "giallo"....

Marco Lelio - Un caro amico mi ha stimolato a parlare della più antica Banca del Mondo (anche se la data del 1472 é frutto di un trucchetto, ma questa é un'altra "italica istoria"...) ed approfitto dell'insonnia mattutina e dell'odierna tempesta marina. Vediamo quindi di buttar giù qualche idea sul Monte dei Paschi e a che punto sia e come c'é arrivato .... e magari anche dove potrebbe andare a finire. Chissà se qualcuno più "bancario" di me ( e ce ne sono tra di voi ) mi aggiunge o toglie qualcosa dalla dolente istoria. Partiamo dai dati salienti del bilancio 2011 del Monte dei Paschi: a) Dipendenti, circa 31.200; b) Clienti, circa 6,2 milioni (in larga prevalenza retail); c) Totale attivo, circa 240,7 miliardi di euro; d) Patrimonio netto, circa 10,8 miliardi di euro; e) Capitalizzazione di mercato, circa 3 miliardi di euro; f) Ricavi (margine della gestione finanziaria e assicurativa), circa 5,5 miliardi di euro; g) Perdita (4.465 G€ ); h) Raccolta Clientela 280.874 G€; i) Crediti da Clientela 146.609 G€; j) Impieghi 133.128 G€. La prima cosa che salta agli occhi é la perdita riportata in questo ultimo bilancio ufficiale disponibile (2011) di oltre 4 miliardi su un patrimonio netto residuo di 10, patrimonio costituito la maggior parte da sopravalutazioni di cespiti virtuali. La capitalizzazione di borsa é ancora più bassa: 3 miseri miliardi (che nel frattempo é oggi scesa a 2, 17 ma che nei giorni della tempesta aveva sfiorato gli 1,5 !!!). Quello che però fa più spavento sono la quantità di soldi buoni, che gli ha affidato l'improvvida clientela : ben 280 miliardi, di cui 147 sono stati poi prestati alla clientela stessa - che però evidentemente non coincide né con coloro che i soldi li hanno cacciati, ma che saranno certo stati considerati "più uguali degli altri" (come Animal Farm !), né con chi ha messo a disposizione i fondi - e 133 investiti in avventure, che si spera non abbiano niente a che fare col la giapponese Banca Nomura. Una banca ben gestita dovrebbe raccogliere i soldi dai clienti e cercare di investirli al meglio (compreso il capitale proprio) per far guadagnare tutti, azionisti compresi. Il capitale proprio (o patrimonio) dovrebbe essere il cuscinetto necessario per garantire i clienti che hanno messo a disposizione i loro soldi da eventuali cattivi investimenti. L'MPS in pratica é in continua sofferenza per mancanza di capitale proprio e conseguentemente di liquidità, ha elemosinato soldi un po' da tutte le istituzioni nel 2011 e nel 2012, ora deve accedere al prestito Tremonti (Tremonti Bond) con tassi di interesse che partono dal 9%... a salire ! ... and the sky is the limit ... Nel burrascoso 2012 ha beneficiato dal LTRO di Draghi (489 miliardi ad inizio anno e 529 a metà anno per l'Europa, di cui sono andati all'Italia rispettivamente 116 e 70 miliardi) per un ammontare compreso tra 20 ed i 30 miliardi, più un paio di miliardi dalla Banca d'Italia... Il LTRO a tre anni ha un interesse dell'1% ma andrà restituito. I Tremonti Bond invece, come dicevo prima, partono dal 9% ... a salire. Il vero problema é capire perché c'é questa continua famelica fame di nuovi fondi. Le Banche oggidì vanno in malora essenzialmente per due ragioni: se si riempiono la pancia di titoli tossici, i cosiddetti Derivatives OTC di cui in giro ci sono oltre 800 Trilioni di $ (che fanno la ricchezza delle 5 Major americane e la rovina di quasi tutte le altre banche, soprattutto degli investitori spericolati) speculando male se prestano soldi a chi non sarà in grado poi di renderli: i cosiddetti crediti inesigibili o bad debts. L'essere forzati a investire in titoli di stato non é poi un gran male, sottrae liquidità ma non mette in pericolo il patrimonio, neanche quello dei clienti. La MPS ha speculato male sui Derivatives OTC (essenzialmente per cercare di truccare i risultati, ma anche perché i manager hanno la tendenza di privatizzare le vincite e socializzare le perdite e questi trucchetti danno ampio margine pour se graisser la patte...): un bell'esempio di questa pratica é stato il pasticcio Nomura, che ha ingigantito un maldestro tentativo cosmetico di una perdita di 500 milioni (divenuti poi 750, da cui la richiesta aggiuntiva di Tremonti Bond di 500 milioni da aggiungere ai 4 miliardi originari)... bruscolini rispetto ai guai maggiori. I guai maggiori sono i prestiti dissennati accumulati dal 2007 al 2010 per le operazioni e le speculazioni edilizie della clientela, soprattutto italiana, o meglio... toscana: ho visto stanze ed armadi pieni, nelle varie filiali toscane che ho visitato, di pratiche che hanno portato al pignoramento di iniziative edilizie insolventi. Mi é stato offerto un villaggio turistico, nuovo di zecca, del millantato valore di 12 milioni, gravato di un'ipoteca di 4 ma... disponibile a 3 purché cash ! Credo sia ancora lì, chiuso e sprangato a decadere in silenzio, senza alcuna manutenzione o controllo... E' qualche tempo che non rientro in Italia, ma immagino che molti di quei pignoramenti si stiano risolvendo nello stesso modo: edifici chiusi e abbandonati che stanno deteriorandosi. Forse Grillo, quando parlava di 14 miliardi di perdite, si riferiva anche e soprattutto a quei crediti inesigibili finiti in pignoramenti e lasciati ad imputridire. Personalmente li avevo stimati sui 10 miliardi nel 2010: vi rendete conto di che effetto potrebbero avere una volta venuti alla luce e forzatamente messi a bilancio ? Altro che Tremonti Bond da 4 miliardi !!! In pratica l'unica via di uscita sarebbe la conversione dei Tremonti Bond in azioni ordinarie e la presa di possesso statale della Banca, una nazionalizzazione al 100%: da quel punto in poi... Pantalone dovrebbe mettere mano al portafoglio in modo ancor più pesante !!! La conclusione, come vedete, é infausta per i contribuenti italiani, almeno sino al giorno in cui necessariamente perderanno davvero la pazienza, quando tutti i loro soldi (che la Banca d'italia non potrà rimpiazzare con nuove fruscianti banconote, come prima dell'Euro) saranno finiti !

Elvira - (...) i senesi sono svuotati, sfiduciati, preoccupati per il futuro della città, dove stanno chiudendo negozi, in quelli aperti quasi nessuno... ristoranti deserti... svendite prolungate... Anche al mercato di questa mattina - è sempre stato il più grande della Toscana, credo - i venditori si lamentavano: ho percepito "Mah... siamo alla disperazione... quello che prima costava 60.00, messo a 19.00-20.00 rimane lì...". Case messe in vendita ovunque, con cartelli che 'stazionano', non come i famosi anni '80, dove si compravendeva di tutto con prezzi impazziti... Esempio chiaro di 'riciclaggio' di denaro sporco... come oggi, secondo me, qualche negozio "Acquisto oro e argento con pagamento in contanti". Leggono i giornali, qualcuno commenta con rabbia, c'è confusione riguardo alle prossime elezioni (per caso, hai sentito Bersani, ieri sera, a Porta a Porta, che ha tentato di prendere le distanze dal PD locale, riversando su questo tutte le responsabilità ?... E D'Alema, allora e per esempio ?...). Io spero che per lo meno il Ceccuzzi non venga rieletto. Ma chi, però, si deve sperare che venga eletto? I politici... vil razza dannata, si potrebbe cantare...
Le responsabilità sono intrecciate 'in senso orizzontale' dal PD al PDL... Secondo me il Grande Burattinaio (o, meglio, i Grandi Burattinai) si stanno proprio divertendo... La medio-bassa manovalanza ha obbedito alla grande - per il grado di coscienza che le viene permesso - e, parimenti alla manovalanza mafiosa, li hanno soddisfatti... Fantascienza politico-sociale-economica ? Decidi tu...

Guido -
La gente non è loquace perché nonostante tutto hanno paura della politica senese. Ad una giovane che voleva schierarsi contro il buon Ceccuzzi è stato ricordato che i suoi genitori due volte l'anno devono chiedere un permesso in comune....... a buon intenditor. Ed a Siena è inutile rivolgersi alla magistratura. Pensiamo a quante fughe di notizie ci sarebbero state se il caso avesse coinvolto il cavaliere invece che il Dalema......

Salvatore da Volterra
- (...) direi una giusta e distaccata critica, da buon giornalista, ma comunque da persona che sommessamente dimostra un amore particolare per questa città, che senz'altro non meritava un simile pantano... Altro che "Groviglio armonioso" (...). Ho un rifiuto ad immaginare una Siena oltraggiata da senesi che non le hanno voluto bene e che l'hanno vestita di un abito che non meritava in quanto stretto, sdrucito e di dubbio gusto.

Elvira
- (...) senese triste che continua ad amare la sua città.
Ieri sul "Corriere di Siena" sono comparsi in un unico articolo due nomi - di cui uno era già stato pronunciato, collegato all'affaire MPS - nella bella trasmissione "Prima Pagina" di Radio 3. Ecco i nomi: J P Morgan e Rothschild. Se si considera che Mussari, qualora non fosse stato rieletto all'ABI, sembra proprio che sarebbe andato a fare il Presidente dello IOR e che padre Federico Lombardi ha sentito il bisogno di rispondere riguardo alla testimonianza depositata di riunioni avvenute presso lo IOR medesimo riguardo alla questione Antonveneta-MPS e riguardo a conti correnti di manager MPS sembra presenti presso lo stesso Ente... la quadratura del cerchio sembra più o meno completata... Il PD, a mio parere coinvoltissimo, ha svolto, più o meno coscientemente, la funzione di manovalanza medio-bassa in una operazione di altissima fagocitazione bancaria...  Operazione non ancora terminata, ma con l'interesse delle Menti responsabili forse già diretto verso altri gruppi finanziari da prendere di mira... ...consolidando così sempre più il dominio economico mondiale ed il famoso 'signoraggio' con il conseguente drammatico 'servaggio' (ricordate la abbastanza recente bella mostra a Firenze sulla moneta e sull'usura?). Ai poveri senesi le pesanti conseguenze economiche, perché nessuno restituirà il 'maltolto' al Monte dei Paschi, e il relativo essere messi alla gogna dal resto del popolo italiano (divide et impera), messo su ad arte da chi vuol confondere le acque (in questo i media aiutano... oh, se aiutano...), immolare le vittime 'giuste' sull'altare del sacrificio... Quando si eleggono nel Consiglio di Amministrazione di una Banca, che rappresenta il 3° gruppo bancario europeo, certi nominativi, le cui esperienze sono lontane mille miglia da una esperienza adeguata in campo finanziario, indispensabile quando un Istituto bancario raggiunge certi livelli, è perché si desidera che essi (ed esse) NON capiscano e firmino senza far troppe domande... Che amarezza... e che ulteriore conferma di come sta andando il mondo...

Elvira - (...) quando una popolazione, come l'aragosta, viene bollita a fuoco lento per più di sessant'anni, ci mette molto tempo a comprendere che il fuoco sotto la pentola è spento; ritengo che (il popolo senese - ndr) comincerà a reagire non prima di due anni, anche perché si tratta di una società ciarliera, presuntuosa e salottiera (parlo dei pensanti: gli altri - sempre meno, per fortuna - continuano ad essere indottrinati nelle sezioni e nei circoli periferici), distratta dagli impegni di contrada piuttosto che dall’occuparsi della cosa pubblica, ma che non si rende ancora ben conto del baratro in cui la città è precipitata. La presenza del commissario rallenterà ancora la percezione, perché trattasi di un buon parafulmine.
La prossima giunta dovrà prendere atto di un programma di riduzione della spesa corrente (è difficile in una società volutamente confinata in un terziario, oggi decotto, priva di infrastrutture viarie e tagliata fuori da ogni tipo di industria leggera collegata al territorio) e giustificarsi con la popolazione fino ad oggi assistita.
D’altra parte, la classe finora dirigente rifiuta di accollarsi colpe. Ma il successo dei renziani nelle primarie la dice lunga sull’umore corrente. Lasciamo alla magistratura il corretto carico delle colpe ma, al di là di queste, esistono delle precise responsabilità politiche che hanno continuato a pretendere dai dirigenti MPS lo stesso carico di regalie ed emolumenti da riversare sui canali elettorali della città, anche quando la botte aveva un tasso di svuotamento che avrebbe consigliato per prudenza di soprassedere o quanto meno socchiudere il rubinetto. In questo la Fondazione ha avuto un ruolo politico pesante. Questa è la parte incompleta della mia analisi. La Banca MPS è comunque perduta per il tessuto locale ed è scomparsa la connessione e la governance cittadina.
Rimedi ? Si, a patto che cambi la mentalità assistenzialista e che la gente cominci a rimboccarsi le maniche.
Non so chi e come finanzierà la nascita o il completamento di infrastrutture territoriali importanti, ma una cosa è certa: se non riusciamo a raggiungere qualche tipo di finanziamento (penso a fondi europei) per una ristrutturazione cittadina (l’edilizia è la molla rapida, il volano traente, ma non quella delle assurde abitazioni volute dalle cooperative rosse, realizzate da architetti dementi che non hanno saputo armonizzare il nuovo con una città di secoli, bensì quella fornita da piccole o medie ditte artigiane locali) per riportare la gente, dalle frazioni dormitorio periferiche, ad abitare la città, a riprendere occupazioni artigiane e, soprattutto, il controllo della funzionalità cittadina, la città è condannata a regredire in una sorta di medioevo sociale e culturale (in fondo quasi la metà degli abitanti è over 50 e  a quell’età è difficile essere propositivi e disposti a cambiare le proprie abitudini), a meno che la consapevolezza di questo riesca a scuotere le coscienze ed a riportarle all’orgoglio ed alla consapevolezza dei problemi, aumentando la coesione sociale e lo spirito di sacrificio.
Comunque se ne riparlerà tra due generazioni, resto d’Italia permettendo. A meno che…

Gianni - La città è in crisi da tempo. Solo quelli di fori l'hanno saputo ora. Vi è stata una mutazione del DNA dei senesi (nessuno è stato defenestrato come ai tempi di Barbicone) e dei Montepaschini. Il tutto da quando si è modificato il rapporto della Città con la Banca. Da Banca dentro la Città (e come tale difesa) a Città entro la Banca (Fondazione, Comune, Arcivescovado, Contrade, Onlus, Basket, Calcio ecc. tutti a mungere). Con i soldi della Banca si è corrotta la Città. Il DNA dei Montepaschini (forse mediocri ma capaci ed onesti) è stato cambiato mandandone a casa centinaia. Origine recente ? no. Decentramento anni '70. Monopolio Ds. Accordo costante D'Alema/Berlusconi.
Accordo Opus Dei. Vedasi Fondazione. Situazione eterodiretta con presenze interne che hanno messo del loro. Il Sistema non si è limitato a MpS, che metterei in quarta posizione.
Ordine: Tribunale. Arcivescovado. Comune (burattinai) . MpS (salvadanaio). E continuerà. Il problema non è parlare ma agire. E se il Sistema resta in piedi nessuno agirà. Chiaro. Il mio eroe è Don Chisciotte. Ma al giorno d'oggi è un eroe inutile se non nascono guerrieri "veri".

Elvira - ...Argento ?!?!... ...E chi ne ha più di argento a Siena ?!?!?!... E' davvero bianco, ormai, bianco effettivo e di una qualità scadente di vernice made in P.R.C., prodotta però nell'empolese... Siamo lontani dalla disposizione degli obbligatori sei mesi di clausura osservati dai Nove, che si fecero costruire il Loggiatone (così chiamiano a Siena la Loggia dei Nove) per 'prendere aria'... Loggiatone che si colloca non lontano dalla Marcolina, citata nell'articolo... Il Buon Governo lorenzettiano è ormai in ombra, il Cattivo è da tempo in luce a Siena, in Italia e nel mondo...
Si stanno anche 'delineando' nomi importanti, che normalmente sui giornali non vengono mai pronunciati e che, personalmente, non mi sorprendono, perché solo ad altissimi livelli si sarebbe potuto ipotizzare e gestire un affaire economico di questa portata, usando poi, per attuarlo, varia e bendisposta manovalanza... Piano piano le tessere trovano la loro collocazione... Ma verranno condannati - se verranno condannati - tutt'al più i medi e bassi livelli di responsabilità... Mi congedo da voi, riportando di seguito alcuni brani tratti dalle lettere di Caterina di Siena; sono ancora attualissimi... Che segno sarà ? Luce e Serenità !
(Lettera 206 a Papa Gregorio XI, in attesa di essere da lui ricevuta)
...Dicovi, da parte di Cristo Crocifisso, che nel giardino della Santa Chiesa voi ne traggiate li fiori puzzolenti, pieni d'immundizia e di cupidità, enfiati di superbia, cioè li mali pastori che attossicano e imputridiscono questo giardino. Ohimè, governatore nostro, usate la vostra potenzia a divellare questi fiori, gittateli di fuori che non abbino a governare. Piantate in questo giardino fiori odoriferi, pastori e governatori che siano veri servi di Gesù Cristo, che non attendano ad altro che all'onore di Dio e allla salvezza dell'anime...
(brani tratti dalla Lettera 311 A' Signori Difensori del Popolo e Comune di Siena)
...Ora, colui che vive in odio, in rancore, in discordia, pieno d’amor proprio; che vive tanto lascivamente da non esserci differenza fra lui e il porco che si ravvoltola nel fango, non possiede la città dell’anima sua , ma è signoreggiato dai vizi e dai peccati. Non avendo cura della città interiore dell’anima sua, non potrà mai averne della città esteriore di cui fosse fatto signore.
Signoria prestata sono le signorie delle città e altre potestà temporali, prestate a noi e agli altri uomini del mondo. Esse ci sono prestate temporaneamente, cioè per quanto piace alla Divina Bontà e secondo i modi e i costumi dei vari paesi: onde, o per la morte o per essere trascorso il tempo stabilito, esse finiscono. E poiché Dio solo è colui che dà il potere, bisogna fare in modo che, quando la cosa prestata ci verrà richiesta dal Signore, possiamo restituirgliela senza pericolo di morte eterna.
Voglio che voi esercitiate l’autorità con un santo e vero timore. E vi dico che non c’è altro mezzo, se vogliamo conservare il potere, o spirituale o temporale che sia, se non di vivere virtuosamente: perché tale potere e autorità non per altra ragione ci viene meno se non per i nostri peccati e difetti. Come potrebbe il cieco che non vede farsi guida degli altri? Come potrebbe chi è morto sotterrare i morti? Come potrebbe l’infermo prendersi cura degli infermi? E il povero soccorrere i poveri? Non potrebbe. Vivere col timore di Dio conserva in pace la città e gli stati: questo solo permette di custodire fermamente la giustizia, dando a ciascuno quel che si merita. Al suddito meritevole di misericordia, il reggitore timorato di Dio userà misericordia, non per inclinazione di sentimento o di parte, ma per amore della verità; e a chi merita una giusta punizione, gliela darà… ma non punirà alcuno per istigazione degli altri o per le dicerie della gente … Sceglierà i comandanti e i vari reggitori delle città non per spirito settario e di partito, né per animosità, né per lusinghe, né lasciandosi comperare dal denaro; ma si farà guidare solo dalla virtù e dalla saggezza. Sceglierà uomini maturi e non dei fanciulli, uomini timorati di Dio e amanti del bene comune e non del proprio bene particolare. E’ in questo modo che si conserva lo stato e la città nella pace e nell’unione. Io vi prego, per amore di Cristo Crocifisso, che disprezziate i piaceri del mondo, … sapendo bene che né la vita, né la salute, né le ricchezze, né l’onore, né la condizione regale, né l’autorità sono cose vostre. … Perciò vi prego che, da uomini savi, vi comportiate come il buon amministratore, possedendo tutte queste cose come cose imprestate a voi da Dio, delle quali siete fatti suoi amministratori e dispensatori. Altro non dico. Permanete nella santa e dolce dilezione di Dio, Gesù dolce Gesù amore.

Paolo - Precisazione del solito rompiscatole: lo stemma di Siena in araldica è "argento su nero" non "bianco e nero", perché il bianco in araldica non esiste.

Elvira - Riflettiamo sul passato del MPS. Riflettiamo sul suo presente e sforziamoci di lottare per il suo e nostro (o dei nostri figli) futuro. Fra i candidati a Sindaco della nostra bella città non vedo nessuno (almeno fra quelli che conosco) che riscuota la mia stima. "Speriamo bene" disse il rospo quando vide il contadino che aguzzava il palo. Il colore verde è il nuovo colore del MPS, non più il bianco e nero della Balzana...

per tornare a "Ouch!" cliccare qui...